Frasi su tollerante

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema tollerante.

Argomenti correlati

Un totale di 52 frasi, il filtro:


David Cameron photo
Madonna (cantante) photo
Achille Starace photo
António Guterres photo
Oscar Wilde photo
Bertrand Russell photo
Eric Hoffer photo
Fabio Volo photo
Gian Francesco Giudice photo
Desmond Morris photo
Red Ronnie photo
Karl Raimund Popper photo
Vivekananda photo

„La cristianità deve diventare tollerante prima che il mondo desideri unirsi con essa in una carità comune. Dio non ha lasciato Se stesso senza una testimonianza in ogni cuore, e gli uomini, soprattutto coloro che seguono Gesù Cristo, dovrebbero voler ammettere questo.“

—  Vivekananda mistico indiano 1863 - 1902

citato in Swami Vivekananda - Buddha, Cristo e Maometto http://www.ramakrishna-math.org/index.php?option=com_content&view=article&id=90:swami-vivekananda-buddha-cristo-e-maometto&catid=34:swami-vivekananda&Itemid=73

Giuseppe Prezzolini photo

„Le donne commettono dei particolari reati per la loro fragilità, ma tenendo conto di questa fragilità femminile, i giudici maschi sono di solito tolleranti con loro. E dunque stiano buone.“

—  Giuseppe Prezzolini giornalista, scrittore e editore italiano 1882 - 1982

citato in Rudy de Cadaval, La Nuova Tribuna Letteraria, Anno XI, n. 64, Padova 2001

Claude Allègre photo
Mahátma Gándhí photo
Mahátma Gándhí photo

„Per me Dio è Verità e Amore; Dio è etica e moralità; Dio è assenza di paura. Dio è la fonte della Luce e della Vita e tuttavia Egli è al di sopra e al di là di queste. Dio è coscienza. È lo stesso ateismo degli atei. Perché, nel Suo infinito amore, Dio permette all'ateo di esistere. Egli è il cercatore di cuori. È colui che trascende il discorso e la ragione. Egli conosce noi e i nostri cuori meglio di noi stessi. Non ci prende in parola, perché sa che, spesso, non parliamo sul serio, alcuni consapevolmente, altri inconsapevolmente.
È un Dio personale per quelli che hanno bisogno della Sua personale presenza. È un Dio in carne ed ossa per quelli che hanno bisogno della Sua carezza. È la più pura essenza. Egli semplicemente è per quelli che hanno fede. È tutte le cose per tutti gli uomini. È in noi e tuttavia al di sopra e al di là di noi…
Non può cessare di essere solo perché in Suo nome vengono commesse orribili immoralità o brutalità inumane. È tollerante. È paziente, ma anche terribile. È l'essere più esigente del mondo e del mondo che verrà. Adotta con noi lo stesso metro che noi usiamo con il nostro prossimo, uomini e bestie.
Per lui l'ignoranza non è una scusa. E al tempo stesso Egli ci perdona sempre, perché ci dà sempre la possibilità di pentirci.“

—  Mahátma Gándhí politico e filosofo indiano 1869 - 1948

Origine: Il mio credo, il mio pensiero, pp. 75-76

Jeremy Rifkin photo