Frasi sull'umore

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema umore, vita, due-giorni, essere.

Migliori frasi sull'umore

Carmen Consoli photo

„L'amore tutto si trasforma, l'umore di un sogno col tempo si dimentica.“

—  Carmen Consoli cantautrice italiana 1974

da Guarda l'alba
Per niente stanca

Jim Morrison photo

„Non mi sveglierò mai più di buon umore.“

—  Jim Morrison cantautore e poeta statunitense 1943 - 1971

Tempesta Elettrica

François de La  Rochefoucauld photo

„Il capriccio del nostro umore è ancor più bizzarro di quello della fortuna.“

—  François de La Rochefoucauld scrittore, filosofo e aforista francese 1613 - 1680

45
Massime, Riflessioni morali

Malcolm Muggeridge photo

„Il cattivo umore è l'evadere dalla realtà; il buon umore è l'accettarla.“

—  Malcolm Muggeridge giornalista e scrittore britannico 1903 - 1990

Origine: Da Muggeridge al microfono, BBC, 1970.

Giambattista Giraldi Cinzio photo

„Egle: Beata quella vite, ond'è uscì fuore | Così soave umore [Il vino].“

—  Giambattista Giraldi Cinzio letterato, poeta e drammaturgo italiano 1504 - 1574

Atto I, Scena III
Egle

Pietro Metastasio photo

„L'ape e la serpe spesso
Suggon l'istesso umore;“

—  Pietro Metastasio poeta italiano 1698 - 1782

Morte d' Abele (1732)

Tutte frasi sull'umore

Un totale di 128 frasi umore, il filtro:

Franco Battiato photo

„E intanto passa ignaro | il vero senso della vita, | si cambia amore, idea, umore, | per noi che siamo solo di passaggio.“

—  Franco Battiato musicista, cantautore e regista italiano 1945

da Di Passaggio, n. 1
L'imboscata

Helen Keller photo
Francesco Guccini photo
Clint Eastwood photo
Marc Levy photo
Fiorella Mannoia photo
Fabri Fibra photo

„Per casa in cerca di calma | cambio maglia | cambio canale, canzone | cambio espressione, umore | e in fondo per quanto posso cambiare mi cambi il mondo.“

—  Fabri Fibra rapper, produttore discografico e scrittore italiano 1976

da Luna piena, n. 2
Turbe giovanili

Fabri Fibra photo
Geoffrey Chaucer photo
Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
Anna Andreevna Achmatova photo
Massimo Scaligero photo
Ennio Flaiano photo

„Adesso che mi ci fai pensare, mi domando anch'io che cosa ho conservato di abruzzese e debbo dire, ahimè, tutto; cioè l'orgoglio di esserlo che mi riviene in gola quando meno me l'aspetto, per esempio quest'estate in Canada, parlando con alcuni abruzzesi della comunità di Montreal, gente straordinaria e fedele al ricordo della loro terra. Un orgoglio che ha le sue relative lacerazioni e ambivalenze di sentimenti verso tutto ciò che è Abruzzo. Questo dovrebbe spiegarti il mio ritardo nel risponderti; e questo ti dice che sono nato a Pescara per caso: c'era nato anche mio padre e mia madre veniva da Cappelle sul Tavo. I nonni paterni e materni anche essi del Teramano, mia madre era fiera del paese di sua madre, Montepagano, che io ho visto una sola volta di sfuggita, in automobile, come facciamo noi, poveri viaggiatori d'oggi… Tra i dati positivi della mia eredità abruzzese metto anche la tolleranza, la pietà cristiana (nelle campagne un uomo è ancora nu cristiane), la benevolenza dell'umore, la semplicità, la franchezza nelle amicizie; e cioè quel sempre fermarmi alla prima impressione e non cambiare poi il giudizio sulle persone, accettandole come sono, riconoscendo i loro difetti come miei, anzi nei loro difetti i miei. Quel senso ospitale che è in noi, un po' dovuto alla conformazione di una terra isolata, diciamo addirittura un'isola (nel Decamerone, Boccaccio cita una sola volta l'Abruzzo, come regione remota: «Gli è più lontano che Abruzzi»); un'isola schiacciata tra un mare esemplare e due montagne che non è possibile ignorare, monumentali e libere: se ci pensi bene, il Gran Sasso e la Majella son le nostre basiliche, che si fronteggiano in un dialogo molto riuscito e complementare… Bisogna prenderci come siamo, gente rimasta di confine (a quale stato o nazione? O, forse, a quale tempo?), con una sola morale: il lavoro. E con le nostre Madonne vestite a lutto e le sette spade dei sette dolori ben confitte nel seno. Amico, dell'Abruzzo conosco poco, quel poco che ho nel sangue.“

—  Ennio Flaiano scrittore italiano 1910 - 1972

Origine: Da una lettera citata in Pasquale Scarpitti, Disincanto, Sarus, Teramo, 1972.

Johann Wolfgang von Goethe photo

„Birra che frizzi, tabacco che morda e una servetta in gala son quanto va meglio al mio umore.“

—  Johann Wolfgang von Goethe, Faust

Uno studente: Parte I, capitolo Dinanzi la porta della città; 1960
Faust

Fabio Caressa photo
Muriel Barbery photo
François de La  Rochefoucauld photo

„La felicità e l'infelicità degli uomini dipendono tanto dalla loro buona sorte quanto dal loro umore.“

—  François de La Rochefoucauld scrittore, filosofo e aforista francese 1613 - 1680

61
Massime, Riflessioni morali

Emil Cioran photo
Emily Dickinson photo

„Com'è bello essere nelle Tombe | dove l'Umore della Natura non penetra | né proiettile mai arriva.“

—  Emily Dickinson scrittrice e poetessa inglese 1830 - 1886

J1172 – F1246, vv. 5-8
Lettere

Gianluca Nicoletti photo
Ernst Jünger photo

„Rio. Fin dall'alba avevo vagabondato in questa residenza del dio solare, il cui portale di roccia accoglie il forestiero apparendogli come le nuove colonne d'Ercole, varcate le quali egli dimentica il Vecchio Mondo. […]Solo nel tardo pomeriggio mi destai come da un sogno nel quale avevo dimenticato di mangiare e di bere, e sentivo che lo spirito cominciava ad affaticarsi sotto la profusione delle immagini. Eppure non riuscivo a separarmene, e mi comportavo da spilorcio col mio tempo. Senza concedermi sosta svoltai in strade e piazze sempre nuove.
Ma presto mi parve che i miei passi divenissero più leggeri e che la città mutasse aspetto, stranamente. Nello stesso tempo, mutò il mio modo di vedere: mentre fino a quel momento avevo dissipato gli sguardi nella visione del nuovo e dell'ignoto, ora le immagini penetrarono in me senza sforzo. Ora poi mi erano note; mi sembrarono ricordi, composizioni di me stesso. Strumentai il mio umore a piacere, come uno che vada a passeggio con la sua bacchetta direttoriale e, gesticolando con essa in questa o in quella direzione, faccia musica col mondo. […] La sera, in un caffé presso Copacabana, meditavo su queste relazioni. Pensai che esiste un'eco non soltanto per l'orecchio, ma anche per l'occhio: anche le immagini che osserviamo richiamano una rima, e come per ogni eco esistono relazioni sonore particolarmente favorevoli, così qui è la bellezza che risuona con maggior forza.
Ma in formula più semplice e precisa, le cose si presentano in questo modo: con lo sguardo profondo e gioioso che rivolgiamo alle immagini, noi offriamo un sacrificio, e ogni volta siamo esauditi secondo il valore della nostra offerta.“

—  Ernst Jünger filosofo e scrittore tedesco 1895 - 1998

da L'eco delle immagini, pp. 174-175
Il cuore avventuroso. Figurazioni e capricci

Giovanni Morelli photo
Kurt Cobain photo
Beyoncé photo
Fabrizio De André photo
Lorenzo de' Medici photo
Susanna Tamaro photo
Italo Svevo photo
Ralph Waldo Emerson photo
Ivano Fossati photo
Vasco Rossi photo
Jesto photo
Carlo Martini (critico letterario) photo
Niccolo Machiavelli photo
Paolo Crepet photo

„Il cucciolo deve imparare che una regola, è una regola e non cambia secondo l'umore di chi regge il guinzaglio.“

—  Paolo Crepet medico, psichiatra e scrittore italiano 1951

L'autorità perduta

Dino Risi photo
Hermann Hesse photo

„Il buon umore è sempre allegria da impiccati e, se occorre, lei lo imparerà sulla forca.“

—  Hermann Hesse, libro Il lupo della steppa

Origine: Il lupo della steppa, p. 256

Lope De Vega photo
Johann Wolfgang von Goethe photo
Louis-ferdinand Céline photo
Baltasar Gracián photo

„Il diritto spinto all'eccesso diviene torto, e l'arancia troppo strizzata sprizza umore amaro.“

—  Baltasar Gracián gesuita, scrittore e filosofo spagnolo 1601 - 1658

Non spingere mai all'estremo né il male né il bene, p. 70
Oracolo manuale e arte di prudenza

Ernst Jünger photo

„Si è tentato più volte, e ancora si tenta, di esprimere attraverso metafore la differenza tra il nostro mondo nordico e quello mediterraneo, suggerendo via via contrapposizioni come forma e movimento, sole e nebbia, il cipresso e la quercia, il tetto piatto e il tetto a punta. Credo che la contrapposizione fra la cisterna e la sorgente non sia meno adeguata. […] Lo stesso vale per la letteratura antica; la sua struttura complessiva non assomiglia a una rete fluviale ma a un sistema di locali chiusi collegati per mezzo di acquedotti. Di qui la straordinaria facilità di ricavarne citazioni, e di qui anche il fatto che i suoi «classici» sono tali in un senso del tutto diverso dal nostro. Questa possibilità di trovare ristoro nelle forme chiuse si riscontra anche nella grammatica; certe costruzioni participiali e soprattutto l'ablativo assoluto si incastonano nella prosa come piccole cisterne. Lo spirito della cisterna trova forse la sua rappresentazione più icatica nel racconto delle Mille e una notte sul facchino e le tre dame, mentre lo spirito della sorgente si esprime in modo insuperabile nella ballata goethiana del pescatore.
Ritrovato lo slancio, e conversando di queste cose, muovemmo verso la cima. Friedrich Georg fece qui l'osservazione che il Don Chisciotte è una vera cisterna di buon umore.“

—  Ernst Jünger filosofo e scrittore tedesco 1895 - 1998

da Soggiorno in Dalmazia, pp. 39-40
Foglie e pietre

Francesco Guccini photo
Gilbert Keith Chesterton photo
Lev L'vovič Tolstoj photo

„Nella sua profonda opera Della vita, che era anche il libro preferito di mia madre, Tolstoj parla della ragione come fonte stessa della nostra vita. Questo testo fu scritto con un vigore e un fervore eccezionali. In quel periodo si videro rinascere di nuovo in mio padre allegria e buon umore. Il suo lavoro lo appassionava ed era il segno più evidente della sua riuscita. Infatti questo libro di Tolstoj, poco noto alla massa dei lettori, è una delle più notevoli tra le sue opere filosofiche e religiose.
«La vera vita inizia solo nel momento in cui si manifesta la ragione.» La ragione è l'unica forza che riveli in noi l'amore.
Ed è ancora una nuova forma di fede che Tolstoj scopre all'interno della sua anima e che ci espone in quest'opera. A mio giudizio, Della vita e Il regno di Dio è in voi sono le opere religiose capitali di mio padre.
In quest'ultima opera di una chiarezza sorprendente e perfettamente armoniosa, Tolstoj esprime al meglio la propria dottrina, rivolgendosi direttamente agli uomini dalle professioni più disparate e predicando le sue idee. Zar, generali, ministri, giudici, preti, uomini di scienza, ognuno trova in questo sermone una parola che lo tocca personalmente e che lo invita a cambiare vita.
Fu l'ultima grande opera prettamente religiosa di mio padre e tutte quelle che scrisse in seguito non sono altro che ripetizioni.“

—  Lev L'vovič Tolstoj scrittore russo 1869 - 1945

Origine: La verità su mio padre, pp. 123-124

Alain de Botton photo
Alain de Botton photo
Neville Chamberlain photo

„Se fosse stato un uomo di umore costante ed equilibrato [Winston Churchill] non avrebbe mai potuto ispirare la nazione. Nel 1940, quando tutti i pronostici erano contro l'Inghilterra, un leader di giudizio ponderato avrebbe molto probabilmente concluso che eravamo finiti.“

—  Anthony Storr psichiatra, scrittore 1920 - 2001

Origine: Da Churchill: l'uomo; citato in Serena Zoli, Giovanni B. Cassano, E liberaci dal male oscuro, TEA, Milano, 2009, p. 483. ISBN 978-88-502-0209-6

Edward Morgan Forster photo

„Niente affatto. Combatta come se pensasse che noi abbiamo torto. Oh, a che serve tutto il suo equilibrio di giudizio se non decide mai con la sua testa? Chiunque l'afferra e le fa fare quello che vuole. E lei vede dentro di loro e ne ride… ma lo fa. Non basta avere le idee chiare; io ho la testa confusa e stupida, e non valgo la quarta parte di lei, ma ho cercato di fare quello che al momento mi è sembrato giusto. E lei… il suo cervello e il suo intuito sono splendidi. Ma quando vede quello che è giusto, è troppo indolente per farlo. Una volta mi disse che saremo giudicati per le nostre intenzioni, non per quello che abbiamo effettivamente fatto. Mi è sembrata un'osservazione splendida. Ma dobbiamo avere l'intenzione di fare… non starcene seduti su una sedia con le nostre intenzioni.»
«Lei è meravigliosa!» egli disse gravemente.
«Oh, lei mi apprezza!» lei proruppe di nuovo. «Vorrei che non m'apprezzasse. Lei ci apprezza tutti… vede il bene in tutti noi. E intanto lei è sempre morto… morto… morto. Ora, per esempio, perché non s'è arrabbiato? Gli si avvicinò, con un improvviso cambiamento d'umore, gli afferrò tutte e due le mani. Lei è tanto straordinario, signor Herriton, che non posso sopportare di vederla sprecarsi. Non posso sopportarlo… sua madre… non è stata buona con lei.»
«Signorina Abbott, non si preoccupi per me. Alcuni sono nati per non fare nulla. Io sono uno di questi; non ho mai concluso niente, né a scuola né nella professione. Venni qui per impedire il matrimonio di Lilia, ed era troppo tardi. Sono venuto qui con l'intenzione di ottenere il bambino, e ne riporterò un onorevole insuccesso. Adesso non mi aspetto mai che succeda qualcosa, e così non sono mai deluso. Lei si meraviglierebbe di sapere quali sono per mei grandi avvenimenti. Essere andato a teatro ieri, parlare con lei ora… non credo che mi capiterà mai niente di più grande. Il mio destino è di passare nel mondo senza mai scontrarmi con esso o smuoverlo… e veramente non so dire se il mio destino sia buono o cattivo. Io non muoio… io non m'innamoro. E se altri muoiono o s'innamorano, lo fanno sempre proprio quando io non ci sono. Ha perfettamente ragione; la vita per me è semplicemente uno spettacolo, che — grazie a Dio, grazie all'Italia, e grazie a lei — è ora più bello e più incoraggiante di quanto sia mai stato prima.» […. ]
«Ogni minima inezia, per una qualche ragione, oggi sembra imponderabilmente importante, e quando lei dice che da una cosa "non dipende niente," le sue parole suonano come una bestemmia. Non si può mai sapere… (come posso esprimermi?)… quale delle nostre azioni, quale delle nostre omissioni non influiranno su qualcosa per sempre.“

—  Edward Morgan Forster, libro Monteriano

cap. VIII, pp. 185-9
Monteriano

Karl Friedrich Burdach photo
Francesco de Sanctis photo
Fëdor Dostoevskij photo

„La malattia e l'umore morboso stanno alla radice della nostra stessa società, e intanto chi osa notarlo e indicarlo ha subito contro di sé lo sdegno generale.“

—  Fëdor Dostoevskij scrittore e filosofo russo 1821 - 1881

Origine: Dalla lettera a E. A. Štakenštejner, 15 giugno 1879; citato in Fëdor Dostoevskij, I fratelli Karamàzov, introduzione di Igor Sibaldi, Mondadori, 1994.

Henri Rochefort photo
Claudia Cardinale photo
Vasco Rossi photo
Johann Strauss (figlio) photo
Bertrando Spaventa photo
Emil Cioran photo
Emil Cioran photo

„Proprio come un re onnipotente e di umore giocoso per muoversi va a piedi, così anche il Signore gioca felice in corpi umani.“

—  Somānanda filosofo indiano 875 - 925

1, 37-38
Śivaḍṛṣti
Origine: Citato in Kamalakar Mishra, Tantra. Lo Śivaismo del Kaśmīr, traduzione di P. Zanoni, Lakṣmī, Savona 2012, p. 278.

Nek photo
Tove Jansson photo
Caparezza photo
Waris Dirie photo

„Non potevo fare a meno di pensare alle differenze tra la mia vita di New York, piena di cibo e comodità, e la vita che conducevano i miei famigliari in Somalia. In Occidente la maggior parte della gente possiede così tante cose da perderne il conto. Era probabile, invece, che i miei genitori potessero contare a una a una tutte le loro cose, e il cibo era difficile da reperire; eppure erano felici e di buon umore. Per la strada la gente sorrideva e conversava. Credo che gli occidentali cerchino di riempirsi di roba nel tentativo di colmare un vuoto. Tutti sono in cerca di qualcosa. Cercano nei negozi e nella televisione. Una volta dei tizi mi hanno mostrato una stanza della loro casa destinata alle candele per le preghiere la meditazione. Un'intera stanza solo per le candele. Qui dovevamo pigiarci l'uno contro l'altro per poter stare tutti insieme: continuavamo a ringraziare Allah per essere tutti insieme. In Somalia non abbiamo posti particolari per pregare, preghiamo anche per salutare qualcuno: «Che Allah sia con te.» A New York tutti tutti dicono «Hello!». Che cosa significa? Nulla, che io sappia, è solo un modo di dire. La gente dice: «Have a good day», buon giorno, ma anche quello è solo un modo di dire. In Somalia diciamo: «Se Dio vuole, ci vediamo dopo.»“

—  Waris Dirie modella e scrittrice somala 1965

Dio ha voluto e il mio primo giorno in famiglia è stato bello, bellissimo!
Alba nel Deserto

Roger Federer photo
Beppe Viola photo

„L'anima umana è davvero strana, e a mutarla d'umore meglio dei fatti sono le sorprese.“

—  Geminello Alvi economista e saggista italiano 1955

da Il Giornale, 24 dicembre 2007

Ilvo Diamanti photo
Suso Cecchi D'Amico photo
Silvio Berlusconi photo

„Sapete perché Bresso è sempre di cattivo umore? Perché al mattino quando si alza e si guarda allo specchio per truccarsi, si vede. E così si è già rovinata la giornata.“

—  Silvio Berlusconi politico e imprenditore italiano 1936

2010
Origine: Citato in Marco Trabucco, A Torino la gaffe del premier sulla Bresso: "Si guarda allo specchio e si rovina la giornata" http://www.repubblica.it/politica/2010/03/24/news/a_torino_la_gaffe_del_premier_sulla_bresso_si_guarda_allo_specchio_e_si_rovina_la_giornata-2857062/, Repubblica.it, 24 marzo 2010.

Patrick O'Brian photo
Salvatore Quasimodo photo

„I morti maturano, | il mio cuore con essi. | Pietà di sé | nell'ultimo umore hsa la terra.“

—  Salvatore Quasimodo, libro Ed è subito sera

Metamorfosi nell'urna del Santo
Ed è subito sera, Òboe sommerso

Alvise Corner photo
Areteo di Cappadocia photo
John Locke photo
André Maurois photo
Robert Musil photo

„Negli anni della maturità pochi uomini sanno, in fondo, come son giunti a se stessi, ai propri piaceri, alla propria concezione del mondo, alla propria moglie, al proprio carattere e mestiere e loro conseguenze, ma sentono di non poter più cambiare di molto. Si potrebbe sostenere persino, che sono stati ingannati; infatti è impossibile scoprire una ragione sufficiente per cui tutto sia andato proprio così come è andato; avrebbe anche potuto andare diversamente; essi hanno influito pochissimo sugli avvenimenti, che per lo più sono dipesi da circostanze svariate, dall'umore, dalla vita, dalla morte di tutt'altri individui; e solo in quel dato momento si sono abbattuti su di loro. Quand'erano giovani la vita si stendeva loro dinanzi come un mattino senza fine, colmo di possibilità e di nulla, e già al meriggio ecco giungere all'improvviso qualcosa che pretende di essere ormai la loro vita; e tutto ciò è così sorprendente come vedersi davanti tutt'a un tratto una persona con la quale siamo stati vent'anni in corrispondenza, senza conoscerla, e ce la siamo immaginata completamente diversa. Ancora più strano, però, che quasi nessuno, se ne accorga; adottano la persona che è venuta a loro, la cui vita si è incorporata alla loro vita, giudicano le sue vicende ed esperienze ormai come le espressioni delle loro qualità, e il suo destino diventa merito o disgrazia loro. […] E non hanno più che un ricordo confuso della giovinezza, quando c'era in loro qualcosa come una forza opposta.“

—  Robert Musil, libro L'uomo senza qualità

cap. 34, pp. 144-145
L'uomo senza qualità

Alda Merini photo

„Ora non più, ma forse dentro il vento | è rimasto qualcosa del tuo amore, | come una foglia o un grigio mutamento | dentro l'umore di un dannato Iddio.“

—  Alda Merini poetessa italiana 1931 - 2009

Ora il corpo è sublime
Destinati a morire. Poesie vecchie e nuove

Anthony de Mello photo
Famke Janssen photo

„I due, infatti, non sono diversi solo nel modo di giocare a tennis, ma soprattutto nel modo di intenderlo. Roger gioca con leggerezza, senza le malinconie di Pete, talmente stressato dal pensiero di conquistare Parigi che accoglieva come una liberazione le sue eliminazioni nei primi turni. Roger è di un'altra pasta. […] È un perfezionista, come Schumacher e non gli piace scendere sotto un certo livello. […] Ma per quanto brava [Mirka] non avrebbe avuto vita facile con un ragazzo diverso da Roger, che ha solo un difetto – e non è, come ha scherzato Roddick. il taglio dei capelli –, ma la sua scarsa attitudine domestica, tanto che Mirka è riuscita solo una volta a strapparlo dalla villetta di Wimbledon dove hanno vissuto quindici giorni, per accompagnarla da Sainsbury's a fare la spesa. Roger è solare. Non ha i cali d'umore di Sampras e lega con tutti i suoi colleghi. Se è Schumacher nel perfezionismo […], è Maradona nei rapporti umani. Tutti gli riconoscono, oltre all'immensa classe, anche umanità, gentilezza dei modi, assenza di arroganza. Caratteristiche che non si conquistano con l'allenamento, ma con l'educazione.“

—  Roberto Perrone giornalista e scrittore italiano 1957

Origine: Da Federer, è partita la caccia a Sampras https://web.archive.org/web/20160101000000/http://archiviostorico.corriere.it/2005/luglio/05/Federer_partita_caccia_Sampras_co_7_050705002.shtml, Corriere della sera, 5 luglio 2005, p. 47.

Fausto Gianfranceschi photo
Salvatore Morelli photo
Alberto Moravia photo
Franz Xaver Kraus photo