Frasi su riconoscimento

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema riconoscimento, essere, diritto, fatto.

Un totale di 208 frasi, il filtro:

LeBron James photo

„Per quanto ha fatto per il nostro sport, penso che Jordan meriti un riconoscimento. Se non ci fosse stato lui, non ci saremmo neppure noi.“

—  LeBron James cestista statunitense 1984

Origine: Citato in LeBron cambia numero per onorare Jordan http://archiviostorico.gazzetta.it/2009/novembre/14/LeBron_cambia_numero_per_onorare_ga_3_091114017.shtml, Gazzetta dello Sport, 14 novembre 2009.

Pietro Mennea photo
Michael Jordan photo
Umberto Galimberti photo
Edgar Morin photo
Antonio Bello photo
Aldo Capitini photo
Franco Zeffirelli photo

„Mi vergogno della vigliaccheria di Firenze, storicamente una città di geni ma anche di mascalzoni e di vigliacchi. Quattro manigoldi le hanno negato il Fiorino d'oro, il massimo riconoscimento, ed è stato come negarle la cittadinanza. Oriana Fallaci è stata la fiorentina più importante del '900 e l'hanno trattata come una nemica.“

—  Franco Zeffirelli regista italiano 1923 - 2019

Origine: Citato in «Fallaci protagonista di vivaci battaglie» http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2006/09_Settembre/15/reazioni_oriana.shtml, Corriere.it, 15 settembre 2006.

Giorgio Almirante photo
Franco Ferrarotti photo
Zygmunt Bauman photo
Anselm Grün photo

„Il riconoscimento dei propri peccati è autentico soltanto quando l'uomo ne soffre.“

—  Anselm Grün scrittore tedesco 1945

Preghiera e conoscenza di sé.

Papa Paolo VI photo
Jerry Lewis photo
Luigi Einaudi photo

„Non il voto dei cittadini, ma il riconoscimento degli dèi afferma la volontà generale.“

—  Luigi Einaudi 2º Presidente della Repubblica Italiana 1874 - 1961

Prediche inutili

Gilbert Keith Chesterton photo
Mario Vargas Llosa photo

„Il popolo di Lampedusa ha saputo curare gli immigrati, li ha sfamati mostrando all'Europa intera, l'atteggiamento da avere a chi chiede asilo, invece di pensare che queste persone siano lì per rubare lavoro. È umanità povera quella dei Lampedusani. E merita di ricevere un riconoscimento attraverso un premio solenne. È un atteggiamento esemplare che deve essere mostrato al mondo.“

—  Mario Vargas Llosa scrittore, giornalista e politico peruviano 1936

Origine: Citato in Da un Nobel all'altro, Vargas Llosa: "Lampedusa merita il Premio" http://www.siciliainformazioni.com/79326/da-un-nobel-allaltro-vargas-llosa-lampedusa-merita-il-premio, SiciliaInformazioni.com, 14 agosto 2013.

John Ruskin photo

„Il miglior riconoscimento per la fatica fatta non è ciò che se ne ricava, ma ciò che si diventa grazie a essa.“

—  John Ruskin scrittore, pittore e poeta britannico 1819 - 1900

Origine: Citato in Selezione dal Reader's Digest, settembre 1997.

Jean Daniélou photo
Jennifer Capriati photo
Michela Marzano photo
Henri Nouwen photo
Lenin photo
Lucio Anneo Seneca il Vecchio photo
Bobby Sands photo
Oreste Benzi photo
Barack Obama photo
Cvetan Todorov photo

„Le pagine meno gloriose del nostro passato sarebbero le più istruttive se solo accettassimo di leggerle per intero.“

—  Cvetan Todorov filosofo e saggista bulgaro 1939 - 2017

citato in Laura Centemeri, Ritorno a Seveso: il danno ambientale, il suo riconoscimento e la sua riparazione, Bruno Mondadori, 2006, p. 1

Maria Elena Boschi photo
Mario Soldati photo
Serž Sargsyan photo

„Senza dubbio, il riconoscimento del termine genocidio da parte dei turchi sarebbe la via più breve verso una riconciliazione tra le nostre nazioni. È una mia ferma convinzione: se questo sarà fatto e sarà fatto sinceramente, credo che in un breve periodo di tempo le nostre relazioni, cioè le relazioni tra le nazioni turca e armena potranno elevarsi verso un nuovo, più alto livello.“

—  Serž Sargsyan politico armeno 1954

Origine: Citato in Il presidente armeno: il riconoscimento del genocidio essenziale per le relazioni con la Turchia http://it.euronews.com/2015/04/22/il-presidente-armeno-il-riconoscimento-del-genocidio-essenziale-per-le/, Euronews.it, 22 aprile 2015.

Moni Ovadia photo
Gertrude Stein photo
Paolo Borsellino photo
Cristiano Ronaldo photo
Umberto Galimberti photo
Nilde Iotti photo
Martin Luther King photo
Jim Morrison photo
Hermann Hesse photo

„Chi ha un forte senso individualistico deve riconoscere che la vita è una lotta tra sacrificio e fierezza, tra il riconoscimento sociale e la salvezza della personalità.“

—  Hermann Hesse scrittore, poeta e aforista tedesco 1877 - 1962

da Letture da un minuto, a cura di Volker Michels, traduzione di Maria Teresa Giannelli, Rizzoli, 1983
Letture da un minuto

Franz Kafka photo
Roberto Gervaso photo

„L'esperienza è il riconoscimento tardivo dei propri errori.“

—  Roberto Gervaso storico, scrittore, giornalista 1937

La volpe e l'uva

Roberto Gervaso photo

„Per alcuni la giustizia non dovrebbe essere altro che il riconoscimento dei propri privilegi.“

—  Roberto Gervaso storico, scrittore, giornalista 1937

La volpe e l'uva

Terry Pratchett photo
John Stuart Mill photo
Enzo Ferrari photo

„Con tanti riconoscimenti, mi è venuto il dubbio di essere qualcuno.“

—  Enzo Ferrari imprenditore, pilota 1898 - 1988

fonte 2

Cyril Northcote Parkinson photo
David Ben-Gurion photo

„La terra di Israele fu la culla del popolo ebraico.
Qui fu formata la sua entità spirituale, religiosa e nazionale. Qui esso conquistò l'indipendenza e creò una civiltà di significato nazionale ed universale.
Qui esso scrisse e dette la Bibbia al mondo.
Esiliato dalla Palestina, il popolo giudaico rimase ad essa fedele in tutti i paesi della sua dispersione, non cessando mai di pregare e di sperare per il ritorno e per la restaurazione della propria libertà nazionale.
Spinti da questa storica associazione, gli Ebrei lungo tutti i secoli si sforzarono di tornare alla terra dei loro padri e di recuperare la dignità di Stato.
In decenni recenti sono ritornati in massa.
Essi hanno bonificato il deserto, fatto rivivere la loro lingua, costruito città e villaggi e stabilito una comunità vigorosa ed in continua espansione, con una propria vita economica e culturale.
Cercarono pace, ma erano preparati a difendersi.
Recarono la benedizione del progresso a tutti gli abitanti del paese.
Dopo che numerosi congressi internazionali riconobbero lo storico legame del popolo ebraico con la Palestina e dopo che la persecuzione nazista inghiottì milioni di Ebrei in Europa, risultò ancor più chiara l'urgenza della costituzione di uno stato ebraico capace di risolvere il problema della mancanza di patria per gli Ebrei, aprendo le porte a tutti gli Ebrei ed innalzando il popolo ebraico al livello degli altri popoli nella famiglia delle nazioni.
Il 29 novembre 1947 l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato una decisione a favore della fondazione di uno Stato Ebraico indipendente in Palestina ed invitato gli abitanti del paese a prendere le misure richieste da parte loro per attuare il piano. Questo riconoscimento, da parte delle Nazioni Unite, del diritto al popolo ebraico di stabilire un proprio stato indipendente non può essere annullato.“

—  David Ben-Gurion politico israeliano 1886 - 1973

da Proclamazione dell'indipendenza, 1948

Dean Martin photo
Tom Regan photo
Papa Giovanni XXIII photo
Papa Giovanni Paolo II photo
Papa Giovanni Paolo II photo
Papa Giovanni Paolo II photo
Dominique Rey photo
Walter Kasper photo
Norbert Leser photo
Tito Lívio photo

„[Riferendosi a Cicerone] Il suo ingegno gli propiziò abbondanza di opere e di riconoscimenti.“

—  Tito Lívio storico romano -59 - 17 a.C.

libro CXX; 1997

Richard Stallman photo
Jean Alesi photo
Michael Moore photo

„[Su Una vita al massimo] Non ha ricevuto il riconoscimento che giustamente meritava. È uno dei migliori film del decennio.“

—  Michael Moore regista statunitense 1954

da Twitter, 20 agosto 2012; citato in Carlotta De Leo, Il regista Tony Scott si suicida gettandosi da un ponte: «Aveva un tumore al cervello», Corriere della sera. it, 20 agosto 2012

Georges Demenÿ photo
Papa Benedetto XVI photo
Konrad Lorenz photo
Walter Bonatti photo

„Monte Argentario, 18 aprile 2001
Al Presidente della Repubblica CARLO AZEGLIO CIAMPI Palazzo del Quirinale -- Roma
Signor Presidente
Ho appena visto al telegiornale la cerimonia svoltasi al Quirinale in onore del prof. Ardito Desio per il suo 104° compleanno. Lei lo ha premiato con un prestigioso riconoscimento che assume il massimo valore proprio perché consegnato dalle Sue mani.
Anch'io come tanti rispetto il traguardo anagrafico del professor Desio e la sua opera di studioso; ben diverso credo sia invece il suo merito come Capo della riuscita Spedizione Nazionale Italiana per la conquista del K2, nel 1954.
La stimo, moltissimo, Signor Presidente, ed è la ragione per cui mi permetto di inviarLe questo mio libro sperando che trovi il tempo per sfogliarlo: è la storia postuma di questa grande Spedizione Nazionale, di cui ho fatto parte.
Non è tanto la mia vicenda personale che intendo portare alla Sua conoscenza, essendo essa complementare all'impresa, bensì voglio informarLa sul falso storico contenuto, tuttora, nelle relazioni e nei documenti ufficiali della conquista del K2; un falso storico ormai riconosciuto come tale nel mondo intero.
Vorrei dunque che una persona come Lei fosse totalmente informata sull'argomento, poiché la posizione ufficiale di questo fatto non fa certo onore al nostr Paese.
Grazie per avermi ascoltato.
Con il massimo rispetto e ammirazione“

—  Walter Bonatti alpinista italiano 1930 - 2011

Walter Bonatti
Origine: K2 La verità. 1954 – 2004, p. 201

Antonio Serra photo
Giovanni Trapattoni photo
Mario Polia photo
Henry Mackenzie photo

„La vanità è stata da tempi immemorabili la carta di riconoscimento dei poeti.“

—  Henry Mackenzie scrittore scozzese 1745 - 1831

Senza fonte

Michela Marzano photo
Pietro Trifone photo
Oliver Sacks photo
Oliver Sacks photo
Giorgio Antonucci photo
Carlo Flamigni photo

„A me sembra che la cosa più interessante che risulta da queste ricerche è il riconoscimento della fondamentale importanza delle cellule staminali embrionali, comunque ottenute: la ricerca sulle cellule staminali embrionali è più importante di quella sulle staminali adulte.“

—  Carlo Flamigni medico, accademico e scrittore italiano 1933

Origine: Da L'embrione dell'avvenire http://www.carloflamigni.it/scripta/embrione_avvenire.html, carloflamigni.it, novembre 2007.

Vandana Shiva photo
Ozzy Osbourne photo
Gilles Jacob photo
Stefano Rodotà photo

„E quali i temi con i quali cimentarsi per l'auspicato ritorno ad una seria elaborazione culturale, per mettere a punto programmi non raffazzonati? Comincio con l'indicarne tre: i diritti fondamentali; i servizi pubblici; i limiti alla libertà d'iniziativa economica privata. Non li scelgo a caso. Dietro ciascuno di questi temi si trovano soggetti reali, iniziative concrete. Molti comuni e gruppi si adoperano ogni giorno perché trovino effettivo riconoscimento i diritti degli immigrati, delle coppie di fatto, di quanti vogliono liberamente decidere sulla fine della loro vita. La questione dei servizi è simboleggiata dal servizio idrico, dall'acqua come bene comune: l'Italia è l'epicentro di un largo movimento, che ha visto ventisette milioni di elettori votare contro la privatizzazione dell'acqua, che produce analisi sempre più accurate, che ha visto convenire a Napoli e Roma rappresentanti da molti Paesi, che è all'origine di una rete di comuni europei e di iniziative popolari rivolte alla Commissione di Bruxelles. Altrettanto intensa è la discussione intorno ai limiti del mercato, accesissima intorno ai temi del lavoro e che vede l'inquietante tentativo di cancellare l'articolo 41 della Costituzione che congiunge il decreto berlusconiano di luglio e il decreto "Cresci Italia", ponendo il problema se sia ancora possibile in economia una politica "costituzionale."“

—  Stefano Rodotà giurista e politico italiano 1933 - 2017

Questa è l'altra politica. E ciascuno di questi temi pone la questione di quale idea di società debba oggi sostenere l'azione politica.
Origine: Dall'articolo, L'antipolitica o l'altrapolitica? http://www.repubblica.it/dal-quotidiano/opinioni/2012/03/01/news/l_antipolitica_o_l_altrapolitica_-30736191/?ref=search, la Repubblica, 1 marzo 2012.

Stefano Rodotà photo
Julianne Moore photo
Piero Angela photo
Gianni Alemanno photo

„In consiglio comunale si completerà a breve l'iter per intitolare una strada a Bettino Craxi. Credo sia un doveroso riconoscimento e omaggio della Capitale a uno dei più grandi leader della storia della Repubblica.“

—  Gianni Alemanno politico italiano, ex sindaco di Roma 1958

Origine: Citato in Alemanno: presto una via per Craxi http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=47015&sez=HOME_ROMA, Il Messaggero, 17 febbraio 2009.

Silvio Berlusconi photo
Silvio Berlusconi photo