Frasi su anziano

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema anziano.

Argomenti correlati

Un totale di 203 frasi, il filtro:


Andrea Riccardi photo
Papa Francesco photo
Jim Morrison photo
Wes Craven photo
Jean Vanier photo
Toro Seduto photo
Antonio Abate photo
Khalil Gibran photo
Papa Francesco photo

„Non è possibile che non faccia notizia il fatto che muoia assiderato un anziano ridotto a vivere per strada, mentre lo sia il ribasso di due punti in borsa.“

—  Papa Francesco 266° vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica 1936

53
Evangelii gaudium http://www.vatican.va/holy_father/francesco/apost_exhortations/documents/papa-francesco_esortazione-ap_20131124_evangelii-gaudium_it.html, 24 novembre 2013

David Foster Wallace photo

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating

„Una donna anziana, quando si diverte, fa la felicità della morte!“

—  Publilio Siro scrittore e drammaturgo romano

Sententiae
Originale: (la) Anus cum ludit, morti delicias facit.

Enzo Ferrari photo
Maurizio Milani photo

„Speriamo di diventare anziano presto.“

—  Maurizio Milani comico, scrittore e attore teatrale italiano 1961

Mi sono iscritto nel registro degli indagati

Richard von Weizsäcker photo

„Tutti noi, colpevoli e non, giovani o anziani, dobbiamo accettare il passato. Siamo tutti condizionati dalle sue conseguenze e responsabili per ciò che è avvenuto.“

—  Richard von Weizsäcker politico tedesco 1920 - 2015

Origine: Dal discorso in occasione del quarantesimo anniversario della sconfitta della Germania nazista; citato in Addio al presidente della Germania unita https://web.archive.org/web/20160101000000/http://archiviostorico.corriere.it/2015/febbraio/01/Addio_presidente_della_Germania_unita_co_0_20150201_23e68e0c-a9e4-11e4-81d2-75ab62795819.shtml, Corriere della Sera, 1° febbraio 2015, p. 18.

Anna Frank photo

„Gli anziani hanno un'opinione su tutto, e nella vita non esitano più prima di agire.“

—  Anna Frank ebrea tedesca vittima del nazismo 1929 - 1945

Mondadori 1966, pp. 231-232

Giorgio Panariello photo

„Per gli anziani la solitudine è una prigione a cielo aperto.“

—  Giorgio Panariello comico, attore e regista italiano 1960

da Corriere della sera, 24 settembre 2008

Jörg Haider photo
Sandro Pertini photo
Edith Stein photo
Lucio Anneo Seneca photo

„I massimi ingegni d'ogni tempo potranno trovarsi d'accordo almeno su questo punto, eppure non finiranno mai di stupirsi per tale offuscamento degli intelletti umani: gli uomini non permettono ad alcuno di occupare i loro poderi e, se nasce una minima controversia sui confini, mettono mano alle pietre e alle armi. Tuttavia sopportano che altri si intromettano nella loro vita, anzi vi introducono essi stessi quelli che ne diventeranno i padroni. E mentre non si trova nessuno disposto a spartire il proprio denaro, a quanti ciascuno distribuisce la propria vita! Sono tirchi nell'amministrare il patrimonio, ma prodighi nel gettar via il proprio tempo, la sola cosa per cui l'essere avari farebbe onore. Mi piacerebbe chiedere a una persona anziana scelta a caso tra la folla: «Tu sei ormai vicino al termine della vita e hai cento anni sulle spalle, se non di più: prova a fare un po' di conti sul tuo passato. Calcola quanto del tuo tempo ti hanno sottratto creditori, amanti, superiori e collaboratori, quanto le liti in famiglia e le punizioni dei servi, quanto gli impegni mondani andando in giro per la città. Aggiungi le malattie che ti sei procurato da solo e il tempo rimasto inutilizzato, e ti accorgerai di avere molti meno anni di quanti ne conti di solito. Cerca di ricordare quando sei stato fermo nei tuoi propositi; quante giornate sono trascorse proprio come avevi stabilito; quando sei stato padrone di te stesso, e il tuo volto è rimasto impassibile e il tuo animo intrepido; cosa hai realizzato in una vita così lunga e quanto della tua vita ti è stato sottratto dagli altri senza che te ne rendessi conto di quel che perdevi, e il tempo che ti hanno portato via l'inutile dolore, la sciocca allegria, un'avidità insaziabile, il frivolo conversare… Vedrai quanto poco, in definitiva, ti sia rimasto del tuo; allora capirai che muori prematuramente.» Quale ne è dunque la causa? È che vivete come se doveste vivere per sempre, non vi ricordate della vostra precarietà; non osservate quanto tempo è già trascorso, lo sciupate come se ne aveste in abbondanza, mentre invece proprio quella giornata che state dedicando a qualcuno o a un affare qualsiasi, potrebbe essere l'ultima. Temete tutto come mortali, ma desiderate tutto come immortali.“

—  Lucio Anneo Seneca, libro De brevitate vitae

III, 1-4
De brevitate vitae

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“