Frasi su sapienza

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema sapienza, dio, mondo, uomo.

Un totale di 233 frasi, il filtro:

Eraclito photo
Khalil Gibran photo
Baltasar Gracián photo
Charlie Chaplin photo
Talete photo

„Molte parole non sono mai indizio di molta sapienza.“

—  Talete filosofo greco antico -624 - -547 a.C.

Hermann Hesse photo
Dolindo Ruotolo photo
Gianfranco Ravasi photo

„La sapienza abbandonò la terra quando i dotti cominciarono a usare la loro dottrina a scopo di lucro (Giordano Bruno) Auguri #Wikipedia.“

—  Gianfranco Ravasi cardinale, arcivescovo cattolico e biblista italiano 1942

da un tweet https://twitter.com/CardRavasi/status/687969686881959936 del 15 gennaio 2016

Dolindo Ruotolo photo
Antonio di Padova photo
Leonardo Da Vinci photo
Arthur Schopenhauer photo
Anatole France photo
Gianna Beretta Molla photo
Roland Barthes photo

„La sapienza è nessun potere, un po' di sapere, un po' di intelligenza e quanto più sapore possibile.“

—  Roland Barthes saggista, critico letterario e linguista francese 1915 - 1980

Origine: Da una lectio inaugurale all'Institut de France; citato in Ravasi, p. 106.

Axel Oxenstierna photo

„Vedrai, figlio mio, con quanta poca sapienza si possa reggere il mondo.“

—  Axel Oxenstierna politico svedese 1583 - 1654

citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921, p. 189

Platone photo
Erasmo da Rotterdam photo
Umberto Eco photo
ʿUmar Khayyām photo
Citát „[…] Filosofia non è altro che amistanza a sapienza.“
Dante Alighieri photo

„[…] Filosofia non è altro che amistanza a sapienza.“

—  Dante Alighieri, libro Convivio

[citation needed]
Convivio

Tito Maccio Plauto photo

„Non con l'età, ma con l'ingegno si raggiunge la sapienza.“

—  Tito Maccio Plauto, Trinummus

Philto: Atto II, Scena 2, 367
Non aetate, verum ingenio apiscitur sapientia.
Trinummus

Confucio photo
Dante Alighieri photo
Ludwig Feuerbach photo
Confucio photo
John Ronald Reuel Tolkien photo
Cristina Campo photo
Huìnéng photo

„È un errore pensare che starsene seduto in calma contemplazione sia cosa essenziale per la liberazione. La verità dello Zen si dischiude da sé dall'interno e non ha nulla a che fare con la pratica del dhyāna. Infatti si legge nel Vajracchedikā che coloro che cercano di vedere il Tathāgata riferendosi a lui come uomo in un qualche atteggiamento, quando sta seduto o quando è disteso, non capiscono ciò che fa di lui un Tathāgata, un Tathāgata essendo così designato perché non viene da nessun posto e non va in nessun posto, per questo è un Tathāgata. Non appare da un «donde» e non scompare passando altrove e questo è lo Zen. Quindi nello Zen non vi è nulla da raggiungere, nulla da capire; che cosa è, dunque, quello starsene a gambe incrociate a praticare il dhyāna? Alcuni possono pensare che per rischiarare le tenebre dell'ignoranza sia necessario un uso speciale dell'intelletto; ma la verità dello Zen è un assoluto, nel quale il dualismo non esiste e che non ammette una qualche condizionalità. Parlare di ignoranza e di illuminazione, di bodhi e di kleça (sapienza e passioni), come termini di una antitesi insuscettibili ad essere risolti in una unità, non è mahāyānico. Il Mahāyāna condanna ogni forma di dualismo, perché il dualismo non esprime la verità ultima. Tutto manifesta la natura di Buddha; natura, che dalle passioni non è contaminata e che dall'illuminazione non è purificata. Essa sta al disopra di ogni categoria. Se volete vedere quale è la natura del vostro vero essere, liberate la vostra mente dall'idea della relatività e voi vedrete da voi stessi quanto essa è calma eppure piena di vita.“

—  Huìnéng monaco buddhista cinese 638 - 713

Francesco Petrarca photo
Ennio Flaiano photo
Dante Alighieri photo

„O somma sapïenza, quanta è l'arte | che mostri in cielo, in terra e nel mal mondo, | e quanto giusto tua virtù comparte!“

—  Dante Alighieri poeta italiano autore della Divina Commedia 1265 - 1321

XIX, 10-12

Oreste Benzi photo
Baltasar Gracián photo
Paolo di Tarso photo
George Berkeley photo
Dolindo Ruotolo photo
Manuel Vázquez Montalbán photo

„Tra tutte le malattie volontarie, nessuna lo infastidisce quanto la nostalgia. Da bambino gli piaceva staccarsi dagli oggetti che gli avevano tenuto compagnia nelle tasche dei pantaloni, nei cassetti disordinati della scrivania, negli angoli segreti della sua camera-tana. Qualsiasi cosa, anche un vecchio tozzo di pane, aveva una storia e serbava un momento del passato. Deve aver cambiato atteggiamento ad un certo punto della vita, e ricorda se stesso incuriosito davanti a un album di foto di famiglia ereditato dai genitori, in particolare dalla madre: quel pozzo di sapienze emozionali e di memorie che risalivano a tre generazioni prima e a un povero albero genealogico dai rami poderosi. Morti i genitori, Carvalho aveva dedicato una sera a interrogare i volti presenti nell'album di foto. Ma tu chi sei? Che cosa ci fai qui? Per quale motivo dovresti far parte dei miei ricordi? In un certo senso, sua madre gli aveva affidato il pesante fardello di conservare la memoria familiare, ma a Carvalho la responsabilità parve eccessiva e bruciò l'album nel caminetto di casa, lo bruciò insieme alla tristezza ed al rimorso, altrimenti per tutta la vita l'anima gli avrebbe lacrimato davanti ad ogni foto sconosciuta, ad ogni tentativo di domandare alla madre morta: Chi è questo qui? Che cosa ci fa tra questa gente? Che cosa lo lega a noi altri? E quando passeggiava nella sua autentica patria, il Distrito V, si rifiutava di compiacere le viscere della nostalgia soffermando gli occhi su persone o luoghi che sembravano chiamarlo.“

—  Manuel Vázquez Montalbán scrittore, saggista e poeta spagnolo 1939 - 2003

da Storie di padri e figli – Da tetti e terrazzi
Senza informazioni bibliografiche complete

Eraclito photo
Carlo Carretto photo
Giacomo Gaglione photo

„Tutta la sapienza si racchiude nel fare la Santa volontà di Dio.“

—  Giacomo Gaglione religioso italiano 1896 - 1962

Origine: La sofferenza vinta dall'amore, p. 73

Eraclito photo

„Occorre che coloro che amano la sapienza siano esperti di molte cose.“

—  Eraclito, libro Sulla natura

fr. 35
Sulla natura

Khalil Gibran photo
Paolo di Tarso photo

„La sapienza di questo mondo è stoltezza davanti a Dio.“

—  Paolo di Tarso, libro Prima lettera ai Corinzi

Prima lettera ai Corinzi

Apuleio photo
Umberto Galimberti photo
Ignazio di Loyola photo

„Molta sapienza unita a una moderata santità è preferibile a molta santità con poca sapienza.“

—  Ignazio di Loyola gesuita e santo spagnolo 1491 - 1556

Origine: Citato in Dizionario mondiale di Storia, Rizzoli Larousse, Milano, 2003, p. 580. ISBN 88-525-0077-4

Ersilio Tonini photo

„Le osterie sono un bene universale.“

—  Ersilio Tonini cardinale e arcivescovo cattolico italiano 1914 - 2013

da Vita, Religione e Sapienza, Dibattito tra Ermanno Olmi, Ersilio Tonini, Umberto Galimberti a proposito del film Centochiodi, Rai Extra

Dante Alighieri photo

„[Su Francesco e Domenico] L'un fu tutto serafico in ardore; | l'altro per sapïenza in terra fue | di cherubica luce uno splendore.“

—  Dante Alighieri poeta italiano autore della Divina Commedia 1265 - 1321

XI, 37-39

Ugo di San Vittore photo

„Questo mondo sensibile […] è quasi un libro scritto dal dito di Dio, cioè creato dalla virtù divina, e le singole creature sono come figure, non inventate dall'arbitrio dell'uomo, ma istituite dalla volontà divina per manifestare la sapienza invisibile di Dio. […] Buona cosa è dunque contemplare assiduamente e ammirare le opere divine.“

—  Ugo di San Vittore filosofo, teologo 1096 - 1141

Origine: Da Eruditio didascalica, lib. VII, De tribus diebus; citato in Gino Ditadi, Introduzione: L'animale buono da pensare, in I filosofi e gli animali, vol. 1, Isonomia editrice, Este, 1994, pp. 82-83. ISBN 88-85944-12-4

Leonardo Da Vinci photo

„La sapienza è figliola della sperienzia.“

—  Leonardo Da Vinci pittore, ingegnere e scienziato italiano 1452 - 1519

Codice Forster III
Aforismi, novelle e profezie

Simone Weil photo
Eraclito photo
Giuseppe Mazzini photo
Leonardo Da Vinci photo

„La somma filicità sarà somma cagione della infelicità, e la perfezion della sapienza cagion della stoltizia.“

—  Leonardo Da Vinci pittore, ingegnere e scienziato italiano 1452 - 1519

Aforismi, novelle e profezie

Hans Urs Von Balthasar photo
Karl Rahner photo
Giordano Bruno photo

„La sapienza ha dunque tre dimore: la prima inedificata, eterna, perché è essa stessa la sede dell'eternità; la seconda, sua primogenita, è questo mondo visibile; la terza, sua secondogenita, è l'anima dell'uomo.“

—  Giordano Bruno filosofo e scrittore italiano 1548 - 1600

Origine: DallOratio valedictoria; citato in Nicoletta Tirinnanzi, Note ai testi, in Giordano Bruno, Dialoghi filosofici italiani, Mondadori, Milano, 2000, p. 1244. ISBN 88-04-47416-5

Giordano Bruno photo
Giordano Bruno photo

„Cicada: Da qua si vede che l'ignoranza è madre della felicità e beatitudine sensuale; e questa medesima è l'orto del paradiso de gli animali; come si fa chiaro nelli dialogi de la Cabala del cavallo Pegaseo e per quel che dice il sapiente Salomone: chi aumenta sapienza, aumenta dolore.
Tansillo: Da qua avviene che l'amore eroico è un tormento, perché non gode del presente, come il brutale amore; ma e del futuro e de l'absente, e del contrario sente l'ambizione, emulazione, suspetto e timore. Indi dicendo una sera dopo cena un certo de nostri vicini: – Giamai fui tanto allegro quanto sono adesso; – gli rispose Gioan Bruno, padre del Nolano: – Mai fuste piú pazzo che adesso. –
Cicada: Volete dunque, che colui che è triste, sia savio, e quell'altro ch'è piú triste, sia piú savio?
Tansillo: Non, anzi intendo in questi essere un'altra specie di pazzia, ed oltre peggiore.
Cicada: Chi dunque sarà savio, se pazzo è colui ch'è contento, e pazzo è colui ch'è triste?
Tansillo: Quel che non è contento, né triste.
Cicada: Chi? quel che dorme? quel ch'è privo di sentimento? quel ch'è morto?
Tansillo: No; ma quel ch'è vivo, vegghia ed intende; il quale considerando il male ed il bene, stimando l'uno e l'altro come cosa variabile e consistente in moto, mutazione e vicissitudine (di sorte ch'il fine d'un contrario è principio de l'altro, e l'estremo de l'uno è cominciamento de l'altro), non si dismette, né si gonfia di spirito, vien continente nell'inclinazioni e temperato nelle voluptadi; stante ch'a lui il piacere non è piacere, per aver come presente il suo fine. Parimente la pena non gli è pena, perché con la forza della considerazione ha presente il termine di quella. Cossí il sapiente ha tutte le cose mutabili come cose che non sono, ed afferma quelle non esser altro che vanità ed un niente; perché il tempo a l'eternità ha proporzione come il punto a la linea.“

—  Giordano Bruno filosofo e scrittore italiano 1548 - 1600

parte prima, dialogo II

Ray Bradbury photo
Paolo Mantegazza photo

„Quando gli Italiani si saranno fatti più robusti avranno più morale e più sapienza; ed io aspiro ardentemente perché quel giorno venga presto e non tramonti mai.“

—  Paolo Mantegazza fisiologo, antropologo e patriota italiano 1831 - 1910

dalla terza edizione, Pavia, 22 giugno 1868
Elementi d'igiene

Rabindranath Tagore photo

„Lo shivaismo kashmiro è giunto a quelle profondità del pensiero umano dove le varie correnti della sapienza umana sono unite in una sintesi luminosa.“

—  Rabindranath Tagore poeta, drammaturgo, scrittore e filosofo indiano 1861 - 1941

Origine: Kashmir Shaivism has penetrated to that depth of living thought where diverse currents of human wisdom unite in a luminous synthesis. (citato in G.N. Raina The call of the spirit proved irresistible http://www.koausa.org/Saints/LakshmanJoo/article1.html)

Frank Herbert photo
Alexander Pope photo
Tito Lucrezio Caro photo
Robert Lee Frost photo

„Accumulare sapienza è male quanto accumulare denaro. Una volta o l'altra bisogna cominciare a far partecipi gli altri di ciò che si sa.“

—  Robert Lee Frost poeta statunitense 1874 - 1963

Origine: Citato in Selezione dal Reader's Digest, marzo 1973.

Friedrich Nietzsche photo
Saul Bellow photo

„Le tigri dell'ira sono più sagge dei cavalli della sapienza.“

—  Saul Bellow, libro Il re della pioggia

Origine: Il re della pioggia, p. 260

Giambattista Vico photo
Vincenzo Gioberti photo
Arthur Schopenhauer photo
Karen Blixen photo
Alexandre Dumas (padre) photo
Carl Gustav Jung photo
Columella photo
Alexandr Alexandrovič Blok photo
Papa Giovanni XXIII photo

„Il mio gran libro, da cui qui innanzi dovrò attingere con maggior cura ed affetto le divine lezioni di alta sapienza, è il Crocifisso.“

—  Papa Giovanni XXIII 261° vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica 1881 - 1963

Il giornale dell'anima

Aulo Cornelio Celso photo
Richard de Bury photo
Richard de Bury photo
Richard de Bury photo
Richard de Bury photo
Tom Wolfe photo

„In questo momento della storia, lo scrigno della sapienza umana di tutta la biblioteca era il televisore.“

—  Tom Wolfe saggista, giornalista e scrittore statunitense 1930 - 2018

Io sono Charlotte Simmons

„L'universale è Gesù Cristo: "Tu sei la vita, Tu sei uno che mi porta la vita come un oltre, come qualcosa che sta oltre. Tu non sei qualcuno che mi dice una verità che è più grande di me: Tu sei la Verità". E ciò significa: "Tu sei l'ultima parola, Tu sei l'ultima cosa, Tu sei l'assoluto. Oltre di Te non si può andare. Tu sei la terra ferma". Tutto quello che di assoluto sta in queste parole, noi lo vediamo in Gesù Cristo e ci aggrappiamo a Gesù Cristo: "Tu sei tutto questo. Tu sei l'ultima cosa, l'ultimo, perché sei l'ultima spiegazione, l'ultima risposta. Tu sei tutto questo". Che è come dire: il centro non sono io. Io mi realizzo, io sono, ma mettendomi in Te. Questa è l'ubbidienza radicale, l'ubbidienza della fede. [.. ] Io non mi do i contorni che voglio, perché questi non sono i contorni della verità, non sono i contorni della giustizia, del bene. Io devo prendere i contorni, devo prendere forma da Gesù Cristo. Questo, in alcuni momenti, ci appare come una grande stoltezza. Ma la sapienza è prendere i contorni di Gesù Cristo, anche se può essere per noi una grande crocifissione, perché i contorni che abbiamo da noi stessi non sono quelli di Gesù Cristo, ma di Adamo. La croce più vera del cristiano consiste nell'essere discepoli. Consiste in questa ubbidienza, per cui impariamo a dire: "La verità non sono io e non è neanche l'umano". Noi accetteremmo che l'umano è la verità, è il bene; ma la sapienza della fede ci dice che non è l'umano la verità, il bene. La verità, il bene è un umano concreto: è l'umano concreto di Gesù Cristo.“

—  Giovanni Moioli presbitero e teologo italiano 1931 - 1984

Origine: Il discepolo, p. 13

Papa Benedetto XVI photo
Lucio Anneo Seneca photo

„Non deviare dalla natura ed il formarci sulle sue leggi e sui suoi esempi, è sapienza.“

—  Lucio Anneo Seneca filosofo, poeta, politico e drammaturgo romano -4 - 65 a.C.

citato in Claudio Malagoli, Etica dell'alimentazione: prodotti tipici e biologici, Ogm e nutraceutici, commercio equo e solidale, Aracne, 2006, p. 173

Lucio Anneo Seneca photo
Lucio Anneo Seneca photo

„Nessuno mai condannò la sapienza alla povertà.“

—  Lucio Anneo Seneca, libro Epistulae morales ad Lucilium

Nemo sapientiam paupertate damnavit.
Epistulae morales ad Lucilium