Frasi su efficacia

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema efficacia, essere, modo, stato.

Un totale di 423 frasi, il filtro:

Robert Baden-Powell photo

„Un sorriso fa fare il doppio della strada di un brontolio. Un colpetto sulla spalla è uno stimolo più efficace di una puntura di spillo.“

—  Robert Baden-Powell militare, educatore e scrittore inglese, fondatore del movimento scout 1857 - 1941

Origine: Da Headquarters Gazette, settembre 1911, in appendice a Il libro dei capi, p. 118.

Léon Degrelle photo
Pino Puglisi photo
Robert Baden-Powell photo

„Il segreto di un'educazione efficace è convincere ogni allievo ad imparare da sé, invece di istruirlo cercando di infilargli dentro solo delle conoscenze stereotipate.“

—  Robert Baden-Powell militare, educatore e scrittore inglese, fondatore del movimento scout 1857 - 1941

da The Scouter – (EN) del gennaio 1912

Adolf Hitler photo

„La propaganda efficace deve limitarsi a poche semplici necessità, e quindi esprimerle in poche formule stereotipate. […] solo la ripetizione costante riuscirà alla fine a imprimere un concetto nella memoria di una folla.“

—  Adolf Hitler dittatore della Germania nazista dal 1933 al 1945 1889 - 1945

Origine: Citato in Aldous Huxley, Ritorno al mondo nuovo (Brave New World Revisited), traduzione di Luciano Bianciardi, Oscar Mondadori, Milano 2005.

Woody Allen photo
Giordano Bruno photo
Tommaso Moro photo
Gianna Beretta Molla photo
Aran Cosentino photo

„Abbiamo bisogno di un cambiamento radicale, una vera rivoluzione culturale, sociale, economica e politica. Un cambiamento di sistema per ottenere soluzioni efficaci per salvare il nostro caro pianeta.“

—  Aran Cosentino Artista e attivista ambientale. 2002

Origine: https://www.frasicelebri.it/frase/aran-cosentino-abbiamo-bisogno-di-un-cambiamento-r/

Giordano Bruno photo

„Di qui la nota sentenza di Ippocrate: Il più efficace dei medici è quello in cui molti hanno fede, in quanto liga molti, o coll'eloquio, o con l'aspetto, o con la notorietà. Ciò riguarda non solo il medico, ma anche ogni genere di mago, e quale che sia il titolo di potere, perché chi opera ligature difficilmente con altri mezzi potrà suscitare l'immaginazione.
Ed i teologi credono ed ammettono e predicano su colui che per sé può compiere ogni cosa, ma che non era in grado di curare quelli che non avevano fede in lui, e l'esauriente spiegazione di simile impotenza va riportata all'immaginazione, che egli non fu in grado di ligare; i famigliari, infatti, cui la sua modesta origine ed educazione erano note, spregiavano ed irridevano il medico e il profeta: di qui il proverbio Nessun profeta è riconosciuto nella sua terra.
È dunque più facile, per qualcuno, ligare colui che è meno noto, per mezzo dell'opinione e della disponibilità della fede, per la quale la potenza dell'anima si predispone in una certa maniera, si apre, si esplica, come se, per accogliere il sole, aprisse finestre che in altro frangente manterrebbe sigillate, e vien dato accesso a quelle impressioni che l'arte del ligatore esige, onde imporre successive ligature, come la speranza, la compassione, il timore, l'amore, l'odio, l'indignazione, l'ira, la gioia, la pazienza, lo spregio della vita, della morte, della fortuna, e tutti gli altri affetti, le cui forze dall'anima trasmigrano nel corpo, per modificarlo.“

—  Giordano Bruno filosofo e scrittore italiano 1548 - 1600

2000, pp. 91-93

Giovanni Giraldi photo
Gianrico Carofiglio photo
Herman Melville photo
Giancarlo De Cataldo photo
Hannah Arendt photo
Al Gore photo
Peter Singer photo
Lucio Anneo Seneca photo
Joseph Pulitzer photo
Carlos Ruiz Zafón photo

„Il sistema più efficace per rendere inoffensivi i poveri è insegnare loro a imitare i ricchi.“

—  Carlos Ruiz Zafón, libro L'ombra del vento

The Shadow of the Wind
L'ombra del vento
Variante: «Il sistema più efficace per rendere inoffensivi i poveri è insegnare loro a imitare i ricchi.»

Indro Montanelli photo
Junio Valerio Borghese photo

„Il tenente di vascello Antonio Ursano, napoletano, è l'ufficiale in seconda, esperto organizzatore della vita di bordo; il sottotenente di vascello Remigio Benini, proveniente dalla Marina mercantile, piccolo, sempre calmo, sempre sereno, ottimo marinaio e navigatore, è l'ufficiale di rotta; il guardiamarina Armando Olcese, ligure, altro richiamato dalla Marina mercantile, ufficiale alle armi, anch'egli valido, coraggioso ed esperto marinaio. Direttore di macchina è il tenente Bonzi che sarà successivamente Sostituito dal capitano del genio navale Antonio Tajer, bel giovane questi, dal viso franco e leale, professionalmente perfetto. Ed ecco i sottufficiali, le colonne di bordo, tutti vecchi lupi di sommergibile su cui hanno fatto anni e anni di imbarco: Ravera, ottimo e fedelissimo contabile meccanico; Rapetti, coltissimo e correttissimo capo elettricista che aveva tutte le qualità per diventare ufficiale; Farina, il capo silurista, modesto ed efficace, e gli altri, i sottocapi e i marinai, tutti bravi, tutti coraggiosi, tutti professionalmente sicuri: un meraviglioso equipaggio, non costituito da uomini d'eccezione scelti ad uno d uno, ma da marinai come tutti gli altri, riuniti sullo Scirè a caso, che dimostrarono con la loro vita di marinai a guerra e poi con la morte di quali eroismi siano capaci gli italiani se ben guidati e compresi nelle loro necessità nelle loro anime.“

—  Junio Valerio Borghese militare e politico italiano 1906 - 1974

Origine: Decima Flottiglia Mas, p. 58

Hannah Arendt photo
Jean Giono photo

„Per quanto riguarda il tiro in rovesciata, usato quando il giocatore è costretto a volgere le spalle alla porta, l'avvertenza principale è di cercare di imprimere al pallone una traiettoria tesa. Si tratta di una tecnica difficile, che richiede doti acrobatiche e di coraggio e che comporta il rischio di farsi male cadendo a terra. La sua efficacia consiste nell'imprevedibilità e nella rapidità di esecuzione.“

—  Luigi Bonizzoni allenatore di calcio e calciatore italiano 1919 - 2012

Origine: Citato in Sebastiano Vernazza, 100 anni di rovesciata: dalla leggenda di Talcahuano a Rooney: un secolo di calcio capovolto http://www.gazzetta.it/Calcio/08-01-2014/rovesciata-100-anni-talcahuano-rooney-202012315673.shtml, Gazzetta.it, 8 gennaio 2014.

Meryl Streep photo

„Vi amo tutti, ma dovete perdonarmi se ho perso la voce urlando e lamentandomi questa settimana e ho perso la testa un po’ di tempo prima quest’anno per cui dovrò leggere. Grazie Hollywood Foreign Press, giusto per sottolineare quello che ha già detto Hugh Laurie, voi e tutti noi apparteniamo alla categoria più diffamata in America. Pensateci: Hollywood, foreigners (stranieri), press (stampa). Ma chi siamo noi e che cosa è Hollywood? Siamo solo persone provenienti da altri luoghi. Sono nata e cresciuta e ho studiato nelle scuole pubbliche del New Jersey. Viola è nata nella cabina di un mezzadro in South Carolina ed è cresciuta a Central Falls, Rhode Island; Sarah Paulson è nata in Florida, allevata da una madre single a Brooklyn. Sarah Jessica Parker è una di sette o otto fratelli dell’Ohio. Amy Adams è nata a Vicenza, in Italia. E Natalie Portman è nata a Gerusalemme. Dove sono i loro certificati di nascita? E la bella Ruth Negga è nata ad Addis Abeba, in Etiopia, cresciuta a Londra – o forse in Irlanda ed è qui nominata per aver interpretato una ragazza proveniente da una piccola città della Virginia. Ryan Gosling, come tutte le persone migliori, è canadese, e Dev Patel è nato in Kenya, cresciuto a Londra, e qui ha interpretato un indiano cresciuto in Tasmania. Hollywood è dunque infestata da stranieri e da gente che viene da fuori. E se li cacciassimo tutti a calci non ci rimarrebbe nulla da guardare se non il football e le arti marziali. Che non sono arti. Mi hanno dato tre secondi per dire queste parole: il lavoro di un attore è quello di infilarsi nella vita delle persone diverse da noi, e far sentire come ci si sente. E nell’anno passato ci sono state molte, molte, molte prove di attore potenti in questo senso. Mozzafiato. Ma ce n’è stata una quest’anno che mi ha stordito. Colpito al cuore. Non perché fosse particolarmente buona; non c’era niente di buono. Ma è stata efficace e ha fatto il suo dovere. Ha fatto ridere l’audience a cui era destinata. È stato il momento in cui la persona che chiedeva di sedersi sulla poltrona più rispettata nel nostro Paese ha imitato un giornalista disabile che superava per privilegi, potere e per capacità di reagire. Vedere quella scena mi ha spezzato il cuore e ancora non riesco a togliermela dalla testa. Perché non era un film. Era vita reale. E questo istinto di umiliare gli altri, quando è usato da qualcuno che ha una grande visibilità, da parte di qualcuno potente, si trasmette nella vita di tutti, perché dà un pò il permesso agli altri di fare la stesse cose. La mancanza di rispetto incoraggia altra mancanza di rispetto, la violenza incita alla violenza. E quando i potenti usano la loro posizione di prevaricare gli altri tutti noi perdiamo. O. K., andare avanti con lui. E questo mi porta alla stampa. Abbiamo bisogno di una stampa capace di esercitare il controllo sui potenti, e farli rispondere per ogni gesto oltraggioso. È per questo che i nostri fondatori hanno inserito la libertà di stampa ed espressione nella Costituzione. Quindi chiedo alla facoltosa Hollywood Foreign Press e a tutti i presenti di unirsi a me nel sostenere il Comitato per la protezione dei giornalisti, perché ne avremo bisogno nell’immediato futuro, ne avremo bisogno per salvaguardare la verità. Ancora una cosa: una volta me ne stavo sul set a lamentarmi per qualcosa – del tipo che stavamo lavorando troppo o all’ora di cena o qualcosa di simile – e Tommy Lee Jones mi disse: «Non è un già un enorme privilegio, Meryl, essere solo un'attrice?». In effetti è proprio così, e dobbiamo ricordarci a vicenda il privilegio e la responsabilità di questo mestiere. Dovremmo essere tutti orgogliosi del lavoro di Hollywood che si onora qui stasera. Come la mia amica, la Principessa Leia, mi ha detto una volta, prendete il vostro cuore spezzato, e fatene arte."“

—  Meryl Streep attrice, doppiatrice e produttrice cinematografica statunitense 1949

Golden Globe 2017, Meryl Streep riceve il Golden Globe alla carriera

Adolf Hitler photo
Tahar Ben Jelloun photo
Edmondo De Amicis photo
Che Guevara photo
Johann Wolfgang von Goethe photo
Marcel Proust photo
Albert Camus photo
Dan Brown photo
Nicolás Malebranche photo
Al Gore photo
Giuseppe Rensi photo

„Veramente, come con efficace scorcio lirico ci rappresenta Nietzsche, Dio è morto per le sue contraddizioni.“

—  Giuseppe Rensi filosofo e avvocato italiano 1871 - 1941

Apologia dell'ateismo

Lucio Anneo Seneca photo

„Lunga è la via dell'insegnare per mezzo della teoria, breve ed efficace per mezzo dell'esempio.“

—  Lucio Anneo Seneca, libro Epistulae morales ad Lucilium

6, 5
Longum iterest per praecepta, breve et efficax per exempla
Epistulae morales ad Lucilium

Angelo Amato photo

„La pedagogia liturgica ci insegna che, anche noi, come Maria e accompagnati dalla sua materna ed efficace intercessione, possiamo essere dimora di Gesù“

—  Angelo Amato cardinale e arcivescovo cattolico italiano 1938

Lo sviluppo del dogma mariano

Bruce Sterling photo

„Puoi trovare tre qualità di fondo in ogni politico: Furbizia, Onestà ed Efficacia. Ma puoi averne solo due alla volta.“

—  Bruce Sterling autore di fantascienza statunitense 1954

Origine: Il chiosco, p. 71

Elio Toaff photo
Juan Valera photo
Daniele Luttazzi photo
Iker Casillas photo

„Questa volta dovremo preoccuparci di essere efficaci e tenere d'occhio Del Piero, uno che ti frega in tutti i modi.“

—  Iker Casillas calciatore spagnolo 1981

citato in Casillas teme Del Piero: «Ti frega sempre» http://www.tuttosport.com/calcio/champions_league/2008/11/05-8589/Casillas+teme+Del+Piero%3A+%C2%ABTi++frega+sempre%C2%BB, Tuttosport.com, 5 novembre 2008

Amélie Nothomb photo
Yukio Mishima photo
Friedrich Schiller photo
Umberto Veronesi photo
Jeremy Rifkin photo
Umberto Veronesi photo
Léopold Sédar Senghor photo

„Io so che i Latini e soprattutto i Greci hanno scoperto le «idee generali»: prima e meglio di altri, le hanno messe in piena luce grazie ad un'arte nella quale l'economia dei mezzi concorreva alla loro efficacia. Io so che, per i popoli negro-africani, non esiste scuola migliore, perché, se l'educazione è sviluppo delle qualità native, essa è anche correzione dei difetti ereditari e acquisizione delle virtù contrarie.“

—  Léopold Sédar Senghor politico e poeta senegalese 1906 - 2001

Origine: Dal saggio Vue sur l'Afrique noire, ou assimiler, non être assimilés, 1945, in seguito ristampato in Liberté I. Negritude et humanisme, Parigi, 1964, p. 67. Citato in Italo Lana e Armando Fellin, Civiltà letteraria di Roma antica, vol. I, p. 16; in Italo Lana e Armando Fellin, Civiltà letteraria di Roma antica, Casa Editrice G. D'Anna, Messina-Firenze, 1973, vol. I, p. 13.

Viktor Orbán photo

„Siamo per la formazione di un consenso in Europa circa il fatto che la reintroduzione della pena di morte sia competenza nazionale. […] Io sono per la vita, ma sono pronto ad accettare la pena di morte, se la maggioranza della gente pensa che questa rappresenti una difesa più efficace contro il dilagare della criminalità.“

—  Viktor Orbán politico ungherese 1963

Origine: Citato in Pena morte: Orban, scelta sia per Paese http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2015/05/08/pena-morte-orbanscelta-sia-per-paese_6b9dd9e0-b1b4-4c7b-936a-fd1f1669d386.html, Ansa.it, 8 maggio 2015

Julius Evola photo
Ippocrate di Coo photo

„Per le malattie estreme i trattamenti estremi sono i più efficaci.“

—  Ippocrate di Coo filosofo, medico -460 - -370 a.C.

I, 6; p. 16
Aforismi
Origine: Parafrasato spesso in «A mali estremi, estremi rimedi».

Dalai Lama photo

„Le religioni sono un po' come dei rimedi. I rimedi mostrano la loro efficacia quando si è malati, non quando si è in buona salute.“

—  Dalai Lama 14º Dalai Lama e Premio Nobel per la Pace 1989 1935

I consigli del cuore

Dalai Lama photo

„L’amore totale si fonda non sull’attaccamento, ma sull’altruismo, che costituisce la risposta più efficace alla sofferenza.“

—  Dalai Lama 14º Dalai Lama e Premio Nobel per la Pace 1989 1935

libro Conosci te stesso

Karen Horney photo
Herbert Marcuse photo
Rudyard Kipling photo
Adolfo Wildt photo
Sigmund Freud photo
Sigmund Freud photo

„Per completare la mia esposizione precedente devo aggiunger che fin dall'inizio ho esercitato l'ipnosi per uno scopo che nulla aveva a che fare con la suggestione ipnotica. Mi sono avvalso dell'ipnosi per interrogare il malato sulla genesi dei suoi sintomi, genesi sulla quale nello stato di veglia egli non era spesso in grado di dire alcunché, o comunque troppo poco. Questo procedimento non solo si rivelò più efficace del mero comando o divieto, ma aveva inoltre il vantaggio di offrire soddisfazione alla brama di sapere del medico, che dopo tutto aveva il diritto di apprendere qualcosa circa l'origine di quel fenomeno che cercava di eliminare mediante il monotono procedimento della suggestione. A quest'altro modo di usare l'ipnosi ero giunto per la via seguente. Quando ancora lavoravo nel laboratorio di Brücke avevo conosciuto il dottor Josef Breuer, uno dei medici di famiglia più stimati di Vienna … Già prima del mio viaggio a Parigi, Breuer mi aveva parlato di un caso d'isteria da lui sottoposto, dal 1880 al 1882, a un trattamento particolare, per mezzo del quale era riuscito a penetrare profondamente nella motivazione e nel significato dei sintomi isterici … Quando era ricorsa alle cure di Breuer la paziente offriva un quadro sintomatico complesso e variopinto: paralisi con contratture, inibizioni e stati di confusione psichica. Un'osservazione casuale permise al medico di scoprire che la malata poteva essere liberata da tali turbamenti della sua coscienza se e quando veniva indotta a dare espressione verbale alle fantasie affettive che in quel momento la dominavano. Breuer trasse da questa scoperta un metodo terapeutico. Ripetutamente, dopo aver sottoposto la paziente a ipnosi profonda, la invitò a raccontare ciò da cui l'animo suo si sentiva oppresso. Dominati in tal modo gli accessi di ottenebramento depressivo, fece uso di questo stesso procedimento per eliminare le inibizioni e i disturbi somatici. Durante lo stato di veglia la giovinetta, al pari di qualsiasi altro malato, non sapeva dir nulla sull'origine dei suoi sintomi né ravvisava alcun legame fra questi ultimi e le impressioni della sua vita … Quando dunque la malata rammentava allucinatoriamente in ipnosi una di queste situazioni e portava finalmente a compimento l'atto psichico a suo tempo represso, dando libero sfogo ai propri affetti, ecco che il sintomo scompariva per sempre.“

—  Sigmund Freud neurologo e psicoanalista austriaco, fondatore della psicoanalisi 1856 - 1939

Origine: Autobiografia (1925), p. 87 e s.

John Dewey photo
Christoph Schönborn photo
Hans Urs Von Balthasar photo
Hans Urs Von Balthasar photo

„Elezione significa allora, non l'eterna scelta nella grazia di Dio, ma l'efficacia della chiamata sulla libertà del chiamato.“

—  Hans Urs Von Balthasar presbitero e teologo svizzero 1905 - 1988

Le persone del dramma: l'Uomo in Cristo

Simone Weil photo
Simone Weil photo
Giordano Bruno photo
Douglas Adams photo
Richard Dawkins photo
Richard Dawkins photo
Albert Einstein photo
José Saramago photo

„[…] non provò neppure un po' di vergogna, quel sentimento che tante volte, ma mai abbastanza, è il nostro più efficace angelo custode.“

—  José Saramago scrittore, critico letterario e poeta portoghese 1922 - 2010

Origine: Il vangelo secondo Gesù Cristo, p. 84

Victor Hugo photo
Bertolt Brecht photo
Pietro Aretino photo
Marcel Proust photo
Vilfredo Pareto photo
Edward Gibbon photo
John Stuart Mill photo
Milton Friedman photo
Milton Friedman photo
Ernest Renan photo
Giacomo Leopardi photo

„L'arte di Ovidio di metter le cose sotto gli occhi, non si chiama efficacia, ma pertinacia.“

—  Giacomo Leopardi poeta, filosofo e scrittore italiano 1798 - 1837

12; 1898, Vol. I, p. 89

Giacomo Leopardi photo

„Il mezzo più efficace di ottener fama è quello di far creder al mondo di esser già famoso.“

—  Giacomo Leopardi poeta, filosofo e scrittore italiano 1798 - 1837

4153, Bologna, 21 novembre 1825; 1898, Vol. VII, p. 80

Arthur Schopenhauer photo
Simone de Beauvoir photo
William Somerset Maugham photo
Alexandre Dumas (padre) photo
Papa Giovanni Paolo II photo

„Questo libro, in effetti, è un'efficace summa della prospettiva di vita e di pensiero di un uomo che si muove da protagonista sulla scena della storia di tutti, non solo dei suoi fedeli.“

—  Papa Giovanni Paolo II 264° vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica 1920 - 2005

Vittorio Messori
Parole sull'uomo, Citazioni sul libro

Giovanni Battista Niccolini photo
Jacques Derrida photo