Frasi su animo

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema animo, stato, vita, essere.

Un totale di 774 frasi, il filtro:

Michael Jackson photo
Anaïs Nin photo
Fëdor Dostoevskij photo
Benito Mussolini photo
Charlie Chaplin photo

„Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare. Forse perché non può essere comprato. I ricchi comprano rumore. L'animo umano si diletta nel silenzio della natura, che si rivela solo a chi lo cerca.“

—  Charlie Chaplin attore, regista, sceneggiatore, compositore e produttore britannico 1889 - 1977

Origine: Da My Trip Abroad, New York, 1922.

Vasco Rossi photo
Dante Alighieri photo

„Ciascun confusamente un bene apprende | nel qual si queti l'animo, e disira; | per che di giugner lui ciascun contende.“

—  Dante Alighieri poeta italiano autore della Divina Commedia 1265 - 1321

XVII, 127-129
Variante: Ciascun confusamente un bene apprende
nel qual si queti l'animo, e disira;
per che di giugner lui ciascun contende.

„Un animo onesto quando viene offeso si irrita più del normale!“
Bonus animus laesus gravius multo irascitur.

—  Publilio Siro scrittore e drammaturgo romano

Sententiae

Rudolf Steiner photo
Walter Bonatti photo
Yukio Mishima photo
Alberto Moravia photo
Marco Olmo photo
Bret Easton Ellis photo
Omero photo

„Cambiano cielo, non animo, coloro che corrono al di là del mare.“

—  Omero poeta greco autore dell'Iliade e dell'Odissea

Sandro Pertini photo

„Sono al fianco di chi soffre umiliazioni e oppressioni per il colore della sua pelle. Hitler e Mussolini avevano la pelle bianchissima, ma la coscienza nera. Martin Luther King aveva la pelle color dell'ebano, ma il suo animo brillava della limpida luce, come i diamanti che negri oppressi estraggono dalle miniere del Sudafrica, per la vanità e la ricchezza di una minoranza dalla pelle bianca.“

—  Sandro Pertini 7º Presidente della Repubblica Italiana 1896 - 1990

Origine: Citato nella canzone Il bianco e il nero nell'album Verba Manent (1993) di Frankie hi-nrg mc. Da un discorso del 1982; citato in Michelangelo Jacobucci, Pertini uomo di pace, Rizzoli, 1985.

Enrico Fermi photo

„Sono trascorsi molti anni, ma ricordo come se fosse ieri. Ero giovanissimo, avevo l'illusione che l'intelligenza umana potesse arrivare a tutto. E perciò m'ero ingolfato negli studi oltre misura. Non bastandomi la lettura di molti libri, passavo metà della notte a meditare sulle questioni più astruse. Una fortissima nevrastenia mi obbligò a smettere; anzi a lasciare la città, piena di tentazioni per il mio cervello esaurito, e a rifugiarmi in una remota campagna umbra. Mi ero ridotto a una vita quasi vegetativa: ma non animalesca. Leggicchiavo un poco, pregavo, passeggiavo abbondantemente in mezzo alle floride campagne (era di maggio), contemplavo beato le messi folte e verdi screziate di rossi papaveri, le file di pioppi che si stendevano lungo i canali, i monti azzurri che chiudevano l'orizzonte, le tranquille opere umane per i campi e nei casolari. Una sera, anzi una notte, mentre aspettavo il sonno, tardo a venire, seduto sull'erba di un prato, ascoltavo le placide conversazioni di alcuni contadini lì presso, i quali dicevano cose molto semplici, ma non volgari né frivole, come suole accadere presso altri ceti. Il nostro contadino parla di rado e prende la parola per dire cose opportune, sensate e qualche volta sagge. Infine si tacquero, come se la maestà serena e solenne di quella notte italica, priva di luna ma folta di stelle, avesse versato su quei semplici spiriti un misterioso incanto. Ruppe il silenzio, ma non l'incanto, la voce grave di un grosso contadino, rozzo in apparenza, che stando disteso sul prato con gli occhi volti alle stelle, esclamò, quasi obbedendo ad una ispirazione profonda: «Com'è bello! E pure c'è chi dice che Dio non esiste». Lo ripeto, quella frase del vecchio contadino in quel luogo, in quell'ora: dopo mesi di studi aridissimi, toccò tanto al vivo l'animo mio che ricordo la semplice scena come fosse ieri. Un eccelso profeta ebreo sentenziò, or sono tremil'anni: «I cieli narrano la gloria di Dio». Uno dei più celebri filosofi dei tempi moderni scrisse: «Due cose mi riempiono il cuore di ammirazione e di reverenza: il cielo stellato sul capo e la legge morale nel cuore.»“

—  Enrico Fermi fisico italiano 1901 - 1954

Quel contadino umbro non sapeva nemmeno leggere. Ma c'era nell'animo suo, custoditovi da una vita onesta e laboriosa, un breve angolo in cui scendeva la luce di Dio, con una potenza non troppo inferiore a quella dei profeti e forse superiore a quella dei filosofi.
Origine: Cfr. Immanuel Kant: «il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me».
Origine: Citato in M. Micheli, Enrico Fermi e Luigi Fantappié: Ricordi personali, Responsabilità del sapere, 31, 1979, pp. 21-23.

Carmine Crocco photo
Dante Alighieri photo

„L'animo mio, per disdegnoso gusto, | credendo col morir fuggir disdegno, | ingiusto fece me contra me giusto.“

—  Dante Alighieri poeta italiano autore della Divina Commedia 1265 - 1321

Pier della Vigna: XIII, 70-72

Leo Buscaglia photo
Henri Fréderic Amiel photo

„Un paesaggio è uno stato d'animo.“

—  Henri Fréderic Amiel filosofo, poeta e critico letterario svizzero 1821 - 1881

Diario intimo

Martin Luther King photo
Piero Calamandrei photo
Sant'Ambrogio photo
Søren Kierkegaard photo

„Nulla di finito […] nemmeno l'intero mondo può soddisfare l'animo umano, che sente il bisogno dell'eterno.“

—  Søren Kierkegaard filosofo, teologo e scrittore danese 1813 - 1855

2015
Aut–Aut

Papa Giovanni Paolo II photo
Giuseppe Fava photo
Lucio Anneo Seneca photo
Immanuel Kant photo
Luciano De Crescenzo photo
Simone Weil photo
Dante Alighieri photo
Søren Kierkegaard photo
Fabio Volo photo
Dalila Di Lazzaro photo
Franz Liszt photo
Leonardo Da Vinci photo
Alexis De Tocqueville photo

„Agli uomini per i quali la parola «democrazia» è sinonimo di rivoluzione, anarchia, distruzioni, stragi, ho tentato di dimostrare che la democrazia poteva governare la società rispettando le fortune, riconoscendo i diritti, risparmiando la libertà, onorando la fede; che se il governo democratico sviluppava meno di altri talune belle facoltà dell'animo umano (rispetto al governo aristocratico), recava tuttavia benefici grandi; e che, forse, la volontà di Dio era di diffondere una felicità parimenti mediana per tutti, e non di rendere alcuni estremamente felici e pochi soltanto quasi perfetti. Ho inteso anche ricordare loro che, quale che fosse l'opinione di ognuno a tal riguardo, non era più tempo di deliberare, poiché la società si veniva sviluppando in una certa direzione e li trascinava con sé, tutti, verso l'uguaglianza di condizioni, sì che non restava da far altro che scegliere tra mali inevitabili. Il nostro problema, oggi, non è affatto di sapere se si può instaurare un regime democratico o un regime aristocratico, ma di scegliere tra una società democratica che progredisca senza grandezza ma con ordine e moralità, e una democrazia disordinata e depravata, in preda a furori frenetici o sottoposta a un giogo più greve di tutti quelli che hanno oppresso gli uomini dalla caduta dell'impero romano fino a oggi.“

—  Alexis De Tocqueville filosofo, politico e storico francese 1805 - 1859

da una lettera del 1835; citato in Zagrebelsky 2008, p. 142

Luciano De Crescenzo photo
Hermann Hesse photo
Isabel Allende photo

„Non c'è niente di più pericoloso del demone della fantasia acquattato nell'animo femminile.“

—  Isabel Allende la città delle bestie 1942

da La figlia della fortuna

Charles M. Schulz photo
Michail Bulgakov photo
Gilbert Keith Chesterton photo

„Un animo onesto non si adegua a chi sbaglia!“
Bonus animus numquam erranti obsequium adcommodat.

—  Publilio Siro scrittore e drammaturgo romano

Sententiae

Caspar David Friedrich photo
Lucio Anneo Seneca photo
Carlo Levi photo

„Il loro cuore è mite, e l'animo paziente. Secoli di rassegnazione pesano sulle loro schiene, e il senso della vanità delle cose, e della potenza del destino. Ma quando, dopo infinite sopportazioni, si tocca il fondo del loro essere, e si muove un senso elementare di giustizia e di difesa, allora la loro rivolta è senza limiti, e non può conoscere misura. È una rivolta disumana, che parte dalla morte e non conosce che la morte, dove la ferocia nasce dalla disperazione. I briganti difendevano, senza ragione e senza speranza, la libertà e la vita dei contadini, contro lo Stato, contro tutti gli Stati. Per loro sventura si trovarono ad essere inconsapevoli strumenti di quella Storia che si svolgeva fuori di loro, contro di loro; a difendere la causa cattiva, e furono sterminati. Ma, col brigantaggio, la civiltà contadina difendeva la propria natura, contro quell'altra civiltà che le sta contro e che, senza comprenderla, eternamente la assoggetta: perciò, istintivamente, i contadini vedono nei briganti i loro eroi. La civiltà contadina è una civiltà senza Stato, e senza esercito: le sue guerre non possono essere che questi scoppi di rivolta; e sono sempre, per forza, delle disperate sconfitte; ma essa continua tuttavia, eternamente, la sua vita, e dà ai vincitori i frutti della terra, ed impone le sue misure, i suoi dèi terrestri, e il suo linguaggio.“

—  Carlo Levi, libro Cristo si è fermato a Eboli

1990, p. 122
Cristo si è fermato a Eboli

Etty Hillesum photo
Serafino di Sarov photo
Gianni Clerici photo
B. K. S. Iyengar photo
Gianna Beretta Molla photo
Konrad Lorenz photo
Cristina Campo photo
Murubutu photo
Mauro Corona photo

„Di animo buono e dolce, non conosceva malizia alcuna e, a volte, come succede agli uomini, quelle sue belle caratteristiche venivano scambiate per stupidità.“

—  Mauro Corona scrittore, alpinista e scultore italiano 1950

libro Gli occhi del bosco Storie di animali e uomini

Citát „Scegli piuttosto di essere forte nell'animo che forte nel corpo.“
Pitagora photo

„Scegli piuttosto di essere forte nell'animo che forte nel corpo.“

—  Pitagora matematico, legislatore, filosofo, astronomo, scienziato e politico greco -585 - -495 a.C.

Stephen King photo

„Sentì non per la prima volta il sapore lanoso di una nausea dell'animo.“

—  Stephen King scrittore e sceneggiatore statunitense 1947

p. 79

Carlo Goldoni photo
Luigi Pirandello photo
Daniel Defoe photo
Immanuel Kant photo

„Due cose riempiono l'animo di ammirazione e venerazione sempre nuova e crescente, quanto più spesso e più a lungo la riflessione si occupa di esse: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me. Queste due cose io non ho bisogno di cercarle e semplicemente supporle come se fossero avvolte nell'oscurità, o fossero nel trascendente, fuori del mio orizzonte; io le vedo davanti a me e le connetto immediatamente con la coscienza della mia esistenza. La prima comincia dal posto che io occupo nel mondo sensibile esterno, ed estende la connessione in cui mi trovo, a una grandezza interminabile, con mondi e mondi, e sistemi di sistemi; e poi ancora ai tempi illimitati del loro movimento periodico, del loro principio e della loro durata. La seconda comincia dal mio io invisibile, dalla mia personalità, e mi rappresenta in un mondo che ha la vera infinitezza, ma che solo l'intelletto può penetrare, e con cui (ma perciò anche in pari tempo con tutti quei mondi visibili) io mi riconosco in una connes­sione non, come là, semplicemente accidentale, ma universale e necessaria. Il primo spettacolo di una quantità innumerevole di mondi annulla affatto la mia importanza di natura animale che deve restituire nuovamente al pianeta (un semplice punto nell'universo) la materia della quale si formò, dopo essere stata provvista per breve tempo (e non si sa come) della forza vitale. Il secondo, invece, eleva infinitamente il mio valore, come [valore] di una intelligenza, mediante la mia personalità in cui la legge morale mi manifesta una vita indipendente dall'animalità e anche dall'intero mondo sensibile, almeno per quanto si può inferire dalla determinazione conforme a fini della mia esistenza mediante questa legge: la quale determinazione non è ristretta alle condizioni e ai limiti di questa vita, ma si estende all'infinito.“

—  Immanuel Kant, libro Critica della ragion pratica

dalla conclusione, ediz. 1966, pp. 201-202
Critica della ragion pratica

Bernardino da Siena photo

„Colui che parla chiaro, ha chiaro l'animo suo: chi parla scuro, significa l'animo suo scuro.“

—  Bernardino da Siena religioso, teologo e santo italiano 1380 - 1444

Prediche volgari

Apuleio photo

„E il meccanismo della sorpresa, inteso come improvviso manifestarsi di una realtà alternativa a quella presupposta, che in ogni tipo di narrativa è una semplice opzione nell'ambito della tecnica del racconto, nel romanzo apuleiano si rivela perciò – sia a livello della trama principale che dei racconti secondari – una vera e propria strategia compositiva e uno dei fili conduttori della storia, e di conseguenza un modello di percezione del mondo. Nel mondo delle Metamorfosi niente può considerarsi sicuro – e l'esempio perfetto di questo mondo delle apparenze, in cui ogni cosa appare precaria e ingannevole, è lo stesso protagonista imprigionato nella forma dell'asino e naturalmente ignorato per tutto il tempo dagli altri uomini. […] non ci sono certezze, tutto dev'essere verificato, toccato con mano. L'unica possibilità di sapere è l'esperienza, e la disposizione d'animo più giusta sembra appunto questa credulitas, quest'ansia di mirum che fin dall'inizio caratterizza il protagonista; non si tratta di ingenuità, ma di apertura mentale, un atteggiamento più volte lodato da Lucio stesso: mentre lo scetticismo dell'anonimo compagno di Aristomene – che è presumibilmente quello del lettore – si preclude molte possibilità, l'atteggiamento di chi «vuol sapere tutto, o almeno il più possibile» sembra il più consigliabile.“

—  Apuleio, libro Le metamorfosi

Lara Nicolini, introduzione, 2005, p. 31
Le metamorfosi, Citazioni sull'opera

Giovanni Gentile photo
Alessandro Baricco photo
Lucio Anneo Seneca photo

„La fortuna può togliere le ricchezze, non l'animo.“

—  Lucio Anneo Seneca filosofo, poeta, politico e drammaturgo romano -4 - 65 a.C.

da Medea, II, 1, 176

Sándor Márai photo
Quinto Orazio Flacco photo

„Chi va oltre il mare muta cielo, non animo.“

—  Quinto Orazio Flacco poeta romano -65 - -8 a.C.

A Bullazio, I, 11

Mahátma Gándhí photo

„È poeta chi ha la capacità di portare alla luce quanto di buono è latente nell'animo umano.“

—  Mahátma Gándhí politico e filosofo indiano 1869 - 1948

IV, 18; 1994, p. 273
La mia vita per la libertà

Papa Leone XIII photo
Nek photo
Bobby Sands photo
Umberto Eco photo
Jirō Taniguchi photo

„Gli animali domestici sono costretti a dipendere da noi. Perciò ci perdonano il nostro egoismo. Timidamente ci mostrano una purezza d'animo che noi umani abbiamo perduto.“

—  Jirō Taniguchi fumettista giapponese 1947 - 2017

Vivere con un gatto, p. 70
Allevare un cane e altri racconti

Carmine Crocco photo
Decimo Giunio Giovenale photo

„Animo equilibrato in un corpo sano.“

—  Decimo Giunio Giovenale, libro Satire

X, 356
Mens sana in corpore sano.
Satire

Alessandro Manzoni photo
Nick Cave photo
Guy de Maupassant photo
Molière photo